Alchimia e tarocchi (IX)

(Filosofia ed Occidente)

L’eremita porta con sé una luce.

Cerca qualcosa o illumina il proprio cammino?

Nessuno dei due.

La sua luce guida chi si è perso verso la salvezza.

Come un faro nella notte in tempesta, dirige le navi verso un porto sicuro.

Coloro che si trovano nel NIGREDO farebbero bene a cercare quella luce.

Il bastone germoglia.

Né acqua né terra gli danno vita.

La saggezza nasce dalla privazione.

La prossima casa non è distante ma la strada dell’eremita è lunga e difficile.

Di notte niente appare per sua natura.

Post navigation

Alchimia e Tarocchi (VIII)

L’assedio della torre